prestitivenezia.com - Cerca i migliori Prestiti e Finanziamenti a Venezia e provincia

in News

Sembrerebbe che, in provincia di Venezia, si preferisca appoggiare maggiormente le grandi imprese, concedendo loro dei prestiti anche se mostrano un conto in rosso. Vengono, così, svantaggiare le piccole e medie imprese, che si vedono spesso rifiutate nonostante possano garantire maggiori guadagni. Questo, come dichiarato anche da Roberto Bottan, presidente della Cgia di Mestre, potrebbe essere dovuto al fatto che i maggiori istituti di credito sono portati avanti da grandi manager e imprenditori.

Bottan spiega anche che, nel settembre del 2015, il 10% degli imprenditori che rappresentano la clientela più quotata ha ricevuto un accredito del 73,6%. Il problema è che la cifra in sofferenza era del 78,6%, questo dimostra che, pur venendo preferite e privilegiate, non sempre le grandi industrie sono in grado di riportare i risultati sperati.

 

In provincia di Venezia sono stati affidati dei prestiti a oltre 56.000 imprese, dove, molte di queste, si sono viste affrontare delle consistenti perdite, racchiuse in un numero di 12.244, ovvero il 21,8%. Ciò che è sicuro è che il dieci per cento degli affidati è costituito da grandi imprese, lasciando, ancora una volta, nell’ombra le strutture di una rilevanza minore. Tutte queste tematiche sono state discusse la sera del 22 febbraio 2016, presso la sede del Cgia di Mestre.

 

Dei dati che portano a riflettere, mettendo in rilievo il fatto che a guadagnarci ed ottenere migliori privilegi sono sempre le imprese di una certa importanza, evitando di servirsi, invece, di una valutazione oggettiva di entrambe le categorie. Questo rispecchia l’andamento del nostro Paese, dove i più potenti l’hanno sempre vinta sui deboli.

 

Eppure, bisogna considerare che i finanziamenti sono fondamentali in maniera particolare per le aziende di piccole dimensioni, spesso strette dalla crisi economica e strangolate dalle tasse. Sarebbe doveroso aiutarle, anche tenendo presente che la piccole aziende sono la vera spina dorsale dell’economia italiana.

publisher
back to top